Palma Nana (Chamaerops Humilis)

La Chamaerops Humilis, meglio conosciuta come “palma nana”, è una palma originaria dell’Africa settentrionale e dell’Europa meridionale. Essendo di dimensioni ridotte, è una delle poche palme, se non l’unica specie, che cresce spontaneamente nel continente europeo, specialmente nel sud Italia e nelle isole. 

La si trova facilmente sulle coste del Mediterraneo occidentale ed è molto presente in Calabria, Sicilia e Sardegna. Proprio in Sardegna, è molto diffusa nell’isola di San Pietro ed è per questo che la Chamaerops Humilis viene anche chiamata “palma di San Pietro”.

E’ una pianta molto illustre e piuttosto antica: pare, infatti, che sia stata menzionata dagli illustri autori dell’antica Grecia nei loro scritti.

Si tratta di una pianta sempreverde che possiede un apparato radicale molto robusto e può raggiungere al massimo i 3-4 metri di altezza. Col passare del tempo genera fusti secondari alla base che sono ricoperti da fibre e possono arrivare ad essere alti anche 2 metri negli esemplari più adulti. Le foglie della Chamaerops Humilis sono rigide e dritte, abbastanza persistenti e di colore verde intenso.

La loro particolarità consiste nel fatto che crescono intere e poi si sfrangiano con il passare del tempo, assumendo la tipica forma a “ventaglio”. Possiedono dei piccioli legnosi, sottili e lunghi, con delle spine alle estremità. Prima della stagione estiva, principalmente nei mesi di maggio e giugno, la Chamaerops Humilis produce dei fiori di colore giallo-verde che sono riuniti in infiorescenze a spiga. I frutti che produce sono invece delle bacche ovoidali lunghe appena 2 o 3 cm, carnose, di colore rossastro e non commestibili.

Terreno Ideale per la Chamaerops Humilis

Il terreno più adatto per coltivare questo tipo di pianta è quello ben drenato e possibilmente profondo, che sia un miscuglio di sabbia, argilla e del comune terreno da giardino. Se vengono allevate in vaso, è fondamentale lasciare il terreno sempre umido e rinvasarle solo quando il vaso che le contiene è ormai troppo piccolo.

Le annaffiature devono essere regolari, da marzo ad ottobre. Durante il periodo invernale, è bene mantenere umido il terreno sul quale sono state piantate.

Clima Ideale per la Chamaerops Humilis

Generalmente, le Chamaerops Humilis si coltivano molto facilmente ma necessitano di particolari condizioni climatiche per crescere in salute. Richiedono, infatti, un clima mite e temperato. Temono le forti gelate, tuttavia riescono a resistere anche quando le temperature scendono al di sotto dei 10 o 12 gradi sotto lo zero. È possibile allevarle sia all’aperto che in vaso ed è consigliabile esporle al sole, ma in una posizione riparata. Si tenga presente che sono piante a crescita molto lenta.

Coltivazione della Chamaerops Humilis

La concimazione della Chamaerops Humilis deve essere fatta una volta al mese, durante l’intervallo di mesi che vanno dalla primavera all’estate. L’ideale è utilizzare un concime liquido che deve essere diluito nell’acqua impiegata per l’irrigazione.

Come tutte le palme, anche la palma nana non necessita di essere potata; è consigliabile togliere solo le foglie più secche, soprattutto se sono in basso, per evitare che propaghino malattie parassitarie. Può accadere, specialmente se vivono in un ambiente poco umido, che la punta delle foglie sia secca: in questo caso, basta tagliarne l’estremità con delle forbici perfettamente pulite e disinfettate. Per pulire le foglie, invece, è sufficiente passare un panno umido; assolutamente sconsigliato l’utilizzo di lucidanti.

La Chamaerops Humilis è una bellissima pianta ornamentale molto utilizzata per arredare appartamenti e giardini d’inverno. Presso l’orto botanico di Padova è presente un esemplare che fu piantato nel lontano 1585.

Prodotti correlati

(Ci sono 3 altri prodotti della stessa categoria)