Mora Senza Spine (Rubus Fruticosus)

La mora è un frutto di bosco particolarmente amato sia dagli adulti sia dai bambini, che la mangiano molto volentieri anche come ingrediente per la preparazione di dessert squisiti. Oltre che nei dolci la mora può essere impiegata per la preparazione di marmellate biologiche nutrienti e genuine. Oppure si può aggiungere ad altri tipi di frutta in una prelibata macedonia. 

Questo frutto è estremamente ricco di sostanze benefiche per la salute. In estate è abbastanza frequente imbattersi in un rovo selvatico che produce more dal caratteristico colore scuro molto invitante: resistere a raccoglierne almeno una per assaggiarla sarà estremamente difficile. C’è una varietà di questo frutto di bosco, tuttavia, che si presta benissimo per la coltivazione negli orti domestici e perfino in vaso. La coltivazione sul balcone, ad esempio, è una pratica che si sta diffondendo sempre di più, specialmente nei contesti urbani dove non si dispone di un appezzamento di terreno come succede invece in campagna. La varietà di mora senza spine, oltre ad essere più facile da raccogliere, produce anche frutti grandi, succosi e dolci. La produzione complessiva della pianta è notevolmente generosa e non necessita di particolari attenzioni, potendo essere coltivata anche da persone inesperte in materia di giardinaggio.

Terreno Ideale per la Mora Senza Spine

La mora senza spine cresce bene in quasi tutti i tipi di terreno, non avendo particolari esigenze. Una buona pratica sarebbe quella di cercare di riprodurre l’ambiente ideale dove la pianta cresce spontaneamente, ovvero il contesto boschivo. Tuttavia questa varietà di mora può essere coltivata anche in terreni non troppo fertili senza ricorrere a concimazioni specifiche. Il terreno che è naturalmente ricco di humus sarebbe nettamente il migliore da utilizzare. In alternativa si può procedere alla messa a dimora o al trapianto in un contenitore di maggiori dimensioni della piantina coltivata in vaso, scegliendo un terriccio a cui aggiungere successivamente letame maturo oppure un prodotto acquistato in negozio. Il terreno dovrebbe essere leggermente acido e il momento migliore per procedere al trapianto è durante la stagione autunnale. Eventualmente si può procedere con una fertirrigazione o con una concimazione a lenta cessione in primavera.

Clima Ideale per la Mora Senza Spine

La mora senza spine può essere coltivata praticamente in tutte le regioni d’Italia. Si potrebbe posizionare anche in una collocazione a mezz’ombra ma questo tipo di posizione è sconsigliata per il risultato finale. Infatti le more senza spine coltivate a tutto sole sono decisamente più lucide e più zuccherate, risultando dolci e squisite. L’ideale sarebbe costruire un filare in direzione est-ovest, in una porzione dell’orto o del giardino che non sia esposta eccessivamente all’azione dei venti intensi. La coltivazione dovrebbe prevedere 1 mt di distanza tra una pianta e l’altra e almeno 2 mt tra i filari. La pianta della mora senza spine può essere sorretta da un sostegno: un tutore, un palo o una rete da giardinaggio. Per favorire la fruttificazione, quando nascono nuovi polloni, sarebbe meglio selezionarne 4-5, eliminando quelli che appaiono rovinati e più deboli. La raccolta avviene indicativamente nei mesi di giugno e di luglio.

Coltivazione della Mora Senza Spine

Durante la stagione piovosa la mora senza spine non richiede interventi di irrigazione specifici. La pianta è abbastanza resistente ma nel periodo estivo potrebbe rendersi necessario procedere a un’annaffiatura di supporto, specialmente se le precipitazioni si fanno attendere per alcuni giorni. Va ricordato che in estate la mora fruttifica e oltre al minor apporto idrico dovuto all’assenza di piogge, la pianta necessita anche di più acqua proprio per favorire una maggiore produzione. Inoltre le more, ben irrigate in fase di sviluppo, crescono meglio e sono più apprezzabili dal punto di vista del gusto. Ovviamente bisogna fare attenzione a non creare pericolosi ristagni idrici alla base della pianta. Una tecnica molto utilizzata è la pacciamatura, che consiste nell’aggiunta di materiale naturale come sfalci o altri residui verdi da sistemare sul suolo per evitare l’evaporazione dell’umidità nella stagione calda, potendo così limitare anche le irrigazioni ma ottenendo il medesimo risultato.

Hai domande su questo prodotto?

Al nostro Vivaio coltiviamo, per la vendita all'ingrosso e al dettaglio, questa e tantissime altre piante.

Se desideri ricevere maggiori informazioni su questo prodotto specifico o sul Verde in generale, non esitare a contattarci utilizzando il modulo che trovi di seguito. Cercheremo di risponderti nel più breve tempo possibile.

In alternativa puoi contattarci ai seguenti recapiti:

Se invece desideri parlare con noi di persona, ci trovi qui:
Vivai Flor Plant di Cafaro Mario
Via Cappellania N. 1
84022 Campagna (SA)

Clicca Qui per avviare il Navigatore (Google Maps)

oppure inserisci le coordinate nel tuo Navigatore:
40°38'28.4"N 15°07'01.9"E

Richiedi Maggiori info sul prodotto


* Campi obbligatori

 

Prodotti correlati

(Ci sono 5 altri prodotti della stessa categoria)