Abelia

L’Abelia deve le sue origini a due estremità del mondo: la Cina e il Giappone da una parte e il Messico dall’altra. E’ una pianta unica, che può raggiungere anche i centoventi centimetri di altezza e che tende ad ottenere una forma sferica, tondeggiante. L’Abelia possiede inoltre pochissimi rami e molti fusi, che si presentano di colore rossastro e molto sottili e lunghi.

Le piccole foglie ovali, con la peculiarità di essere dentellate in tutto il loro perimetro esterno, variano di colore a seconda della stagione, passando dal verde lucido al color bronzo, che mantengono in tutto il periodo autunnale e invernale. L’Abelia nel periodo estivo mostra tutta la sua bellezza, in particolare durante il periodo di fioritura. I fiori bianchi, a forma di una piccola tromba, donano eleganza e bellezza all’intero giardino. Infine il frutto, di tipo legnoso, contiene un solo seme, rendendo ancora più prezioso questo particolare cespuglio da fiore.

Terreno Ideale per l'Abelia

L’Abelia è un cespuglio che si adatta con facilità a qualsiasi tipo di terreno. Come tutte le altre piante, in ogni caso, trova vigore e regolarità nella crescita quando il terreno drena perfettamente l’acqua e quando lo stesso risulta essere morbido e meno compatto. Per questo motivo, in primavera, è possibile aiutare l’Abelia aggiungendo al terreno circostante del materiale organico contenente sostanze nutritive fondamentali per la pianta. Se il terreno è predisposto in questo modo anche l’attecchimento, in fase di impiantatura, risulterà essere molto rapido e semplice. 

Clima, Esposizione e Annaffiature dell'Abelia

Oltre ad adattarsi a qualsiasi terreno, l’Abelia è capace di adattarsi anche a qualsiasi clima. E’ un cespuglio da fiore che non teme il freddo, ma che necessita naturalmente di una posizione al sole, o comunque parzialmente ombreggiata. L’Abelia, però, deve essere messa al riparo dal vento, specialmente quello freddo. Per questo motivo è consigliabile posizionarla in un’area del giardino che risulti essere protetta e non esposta ai venti freddi o eccessivamente caldi. Anche se si adatta facilmente, è comunque utile mettere al riparo, durante i periodi molto freddi, la pianta, coprendola con un telone realizzato ad hoc o con qualsiasi materiale possa aiutarla a superare con facilità l’inverno. Alcuni soggetti decidono, nei mesi autunnali, di potare drasticamente il cespuglio: in questo modo si otterrà una resistenza maggiore in inverno e una crescita vigorosa in primavera ed estate. Le innaffiature, nei periodi estivi in particolare devono essere regolari. Questa regola vale però solamente per le piccole piante di

Abelia, mentre per quelle che hanno raggiunto ormai una certa maturità, questo potrebbe non essere necessario. L’Abelia, infatti, resiste anche ai periodi di grandi siccità, anche se è meglio evitare sottoporre a stress eccessivo la pianta. In primavera è possibile innaffiare la pianta ogni settimana, senza esagerare con il dosaggio dell’acqua, mentre in autunno ed in inverno, è consigliato diminuire notevolmente la frequenza di innaffiature, anche se è utile non sospendere totalmente questa azione. Infatti l’Abelia è una pianta sempreverde e necessita di attenzioni in ogni periodo dell’anno.

Coltivazione e Malattie dell'Abelia

Per la coltivazione dell’Abelia è necessario preparare un’ampia buca, ossia di circa cinquanta centimetri di diametro e di altezza, e riempire la buca con terra drenante, sabbia e concime, per aiutarla a crescere vigorosa nei primi anni in seguito al trapianto. Non è inoltre necessaria una potatura costante, ma annualmente sarà possibile eliminare i fusti più secchi per consentire alla pianta una ripresa, oppure, prima dell’inverno, è possibile mettere in atto una potatura maggiormente drastica che porti al rinnovamento totale del cespuglio. L’Abelia è comunque un cespuglio da fiore molto forte e non viene generalmente attaccato da parassiti o non presenta malattie atipiche e particolari. L’unico elemento da tenere particolarmente in considerazione è l’afide, che può infestare il cespuglio. L’afide non è di per sé dannoso per la pianta, ma è comunque un elemento da debellare, servendosi di prodotti presenti in commercio oppure utilizzando infusi naturali a base di aglio.

Prodotti correlati

(Ci sono 11 altri prodotti della stessa categoria)