Scopri quali lavori fare a Luglio nel tuo giardino, sul terrazzo e per le tue piante da appartamento.

person Pubblicato da: Mario Cafaro list nella categoria: Calendario del Giardinaggio Data:

Calendario del Giardinaggio Luglio Vivai Flor PlantLuglio è un mese estivo, il primo mese di vero caldo. Le giornate sono lunghe, il sole è a picco e la calura si fa sentire, non solo per le persone, ma anche per le piante. Quelle tipicamente estive crescono in fretta, si riproducono ed hanno quindi bisogno di essere annaffiate spesso; le altre rallentano la loro crescita concentrandosi sulla produzione di fiori e quindi di semi. Giardini, terrazzi e balconi hanno bisogno di cure soprattutto per quel che riguarda la pulizia, il nutrimento e l'irrigazione. Potature e rinvasi non sono tra i lavori più frequenti, tranne che in qualche occasione particolare.

Le potature di luglio

A luglio le potature servono soprattutto per togliere fiori appassiti e rami secchi. In questo periodo la crescita di siepi ed arbusti è piuttosto veloce, per cui sarà necessario contenerli nelle forme e nelle dimensioni che si desidera. La potatura estiva delle siepi si applica a tutte quelle specie che, essendo a crescita veloce, hanno bisogno di essere curate anche con la tecnica della potatura, che le rinforza e le fortifica, oltre a dare loro una forma armonica. Tra le piante da siepe che necessitano della potatura estiva ci sono il biancospino, il lauro e, tra i rampicanti, le viti, i gelsomini, il caprifoglio e il trachelospermum. I rami disordinati di queste piante vanno tenuti sotto controllo ed anche se a luglio il caldo non ispira, è bene non rinunciare alla potatura. Occorre spuntare le piante ornamentali che hanno esaurito la fioritura togliendo i rami secchi. In questo mese è opportuno agire nelle ore più fresche della giornata, sia per il benessere della pianta che per la fatica che comporta lavorare durante le ore centrali. Le ore serali sono ottime anche perché così facendo non si disturbano gli insetti utili alle piante.

Concimature

Il caldo e le tante ore di luce di luglio favoriscono la crescita rapida delle piante estive. Negli ultimi anni si è sviluppata la passione per la coltivazione di ortaggi per disporre di vegetali genuini a chilometro zero. Piantati in giardino o tenuti in vaso sui terrazzi, ortaggi e fiori estivi necessitano di un'aggiunta di elementi nutritivi per svilupparsi al meglio. A luglio si concimano, seguendo le istruzioni riportate sui flaconi, quasi tutte le piante da fiore e da foglia, comprese le piante grasse, gli alberelli, le siepi e le perenni. In generale, si aggiunge fertilizzante all'acqua delle irrigazioni una volta ogni due - tre settimane. É bene tener presente una regola sempre valida: meglio poco concime più spesso, che troppo tutto insieme. In particolare, occorre concimare gardenie, petunie, azalee, camelie, rododendri e ibiscus. Fanno eccezione le rose che, dopo l'abbondante fioritura di maggio, con il caldo entrano in una sorta di periodo di riposo per cui a luglio e agosto è meglio sospendere l'apporto di nutrimento, che rimarrebbe inutilizzato nel terreno, concentrandosi in maniera eccessiva. Se lo si preferisce, è possibile usare concime in grani o in bastoncini a lenta cessione; questo tipo di concime, inserito nel terriccio non troppo vicino alle radici delle piante, cederà un po' di nutrimento ad ogni annaffiatura.

Semine di luglio

Ci sono diverse semine da fare a luglio, sia in giardino che nei vasi sui terrazzi. É il momento buono per cominciare la semina di ranuncoli, crisantemi, balsamina e calendula. Il caldo favorisce la crescita veloce e nelle zone temperate si possono continuare ad interrare semi di girasoli, zinnie e coleus, per avere fioriture a scalare. Viole e primule seminate a luglio riposeranno durante l'inverno per essere pronte a sbocciare ai primi tepori primaverili. Le piante grasse possono essere moltiplicate in questo periodo, staccando polloni dalle piante madri, poggiando le foglie succulente sul terreno oppure affidandosi ai semi da interrare su un substrato adatto. Negli orti domestici, che spesso sono collocati in grandi vasi sui terrazzi, si può seminare lattuga, cicoria, spinaci e valeriana. Anche zucche e zucchine seminate a luglio faranno in tempo a fornire buoni frutti prima dell'autunno. É il momento di provvedere a seminare nuove piante di prezzemolo e sedano, ma anche basilico e rucola, che dureranno fino alla fine dell'anno, soprattutto nelle regioni più miti.

Piante in vaso, in appartamento e sul terrazzo.

Il caldo di luglio impone la regolarità delle annaffiature che, com'è risaputo, è bene effettuare al tramonto o al mattino presto. Sul terrazzo, i vasi in coccio, belli, decorativi e anche preferiti da molte piante per la loro porosità e aerazione, sono quelli che più devono essere controllati ed annaffiati regolarmente perché tendono facilmente a far evaporare l'acqua e asciugare il terreno. I vasi in plastica, cemento o pietra sono meno porosi, ma a luglio devono avere almeno una dose di acqua giornaliera. Naturalmente, la differenza la fanno anche le piante che contengono: quelle tipicamente estive "bevono" molto per crescere in fretta, mentre alcuni arbusti come il gelsomino o le dracene possono saltare un turno senza conseguenze. Le piante tenute in casa non seguono una regola precisa. Bisogna controllare il terriccio e, ancor meglio, provare l'umidità del terreno con un dito, prima di annaffiare. Ricordare sempre che troppa acqua è deleteria come niente acqua. A luglio, se l'appartamento ha spesso porte e finestre aperte, anche le piante all'interno si asciugano più in fretta perché, anche per loro, è un momento di crescita più intensa. In giardino si possono proteggere le piante che temono la siccità pacciamando il terreno intorno a loro. Pacciamare significa ricoprire il suolo con uno strato alto almeno 3 centimetri di materiale come corteccia, paglia, argilla espansa o simili. Questo fa sì che l'acqua non evapori troppo in fretta e si formi un'umidità gradita alla pianta nel periodo di caldo eccessivo. Le piante che più gradiscono questa accortezza sono le ortensie, le rose, Un ulteriore lavoretto tipico del mese di luglio è quello di eliminare alcuni boccioli dalle piante che ne producono in gran quantità, in modo da avere meno fiori, ma più grandi e più belli. Inoltre, la pianta si mantiene più forte e in salute. Lo si fa con le rose, i crisantemi, le dalie, i garofani e con i girasole. Infine, soprattutto con le piante più tenere e ricche di boccioli, a luglio bisogna fare attenzione al proliferare dei parassiti che, se debellati al primo apparire, non infesteranno le piante in maniera irreversibile.

Commenti

Nessun commento in questo momento!

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre