Ligustro (Ligustrum)

Esistono numerose varietà di Ligustro. La pianta ha origini giapponesi ma è diffusa anche nel continente europeo con il nome botanico di lugustrum vulgare. Alcuni tipi di Ligustro possono essere coltivati come un alberello, altri per la formazione di piccole aiuole oppure per la perimetrazione del giardino, componendo bellissime siepi. Questo tipo di pianta arbustiva ha un nome che deriva dal latino e più precisamente dalla parola ligare che significa, appunto, legare.

Infatti i rami risultano estremamente flessibili e possono essere impiegati per le legature che vengono fatte in agricoltura. Queste tecniche erano molto utilizzate in passato quando per effettuare i lavori nei campi si cercava di sfruttare il materiale naturale che spesso era rappresentato dallo scarto.

La caratteristica foglia ovale è molto bella da vedere e non presenta peluria, risultando lucida e liscia. La dimensione delle foglie è indicativamente di 10 cm di lunghezza e 5 cm di larghezza.

Clima Ideale per il Ligustro

L’ambiente naturale per lo sviluppo spontaneo della pianta è un clima abbastanza simile a quello della penisola italiana. Infatti, sebbene non si tratti di una specie autoctona, il Ligustro si è adattato molto bene alla situazione continentale europea. Il Ligustro può essere piantato a tutte le latitudini d’Italia, con l’unica accortezza di difenderlo dal freddo intenso nelle regioni dove l’inverno è caratterizzato da temperature più rigide. A questo scopo può essere utile acquistare una rete da giardinaggio facilmente reperibile all’interno dei negozi specializzati del settore, per poi coprire la pianta al termine dell’autunno in vista dell’inverno. Comprando un esemplare presso un vivaista di fiducia è possibile ricevere tutte le informazioni per la cura e per la crescita della giovane piantina. Il periodo ideale per mettere a dimora il Ligustro è la primavera, facendo attenzione alla situazione meteorologica, presupponendo che l’ultima gelata della stagione sia ormai passata. Il Ligustro può essere piantato da solo oppure in una collocazione rettilinea per creare una siepe divisoria.

Coltivazione del Ligustro

La messa a dimora primaverile del Ligustro può essere effettuata aggiungendo un po’ di materiale naturale alla base, ovvero la cosiddetta pacciamatura. Questo intervento contribuisce a tenere regolarmente umido il terreno evitando nel contempo che il freddo possa rovinare il giovane esemplare. Per una crescita rigogliosa il Ligustro può essere posizionato a tutto sole ma cresce anche in una situazione di mezz’ombra purché per alcune ore giornaliere possa essere irradiato direttamente. Il terreno deve essere preferibilmente leggero e abbastanza drenato, in modo da far defluire le acque in eccesso durante la stagione piovosa. L’irrigazione di supporto non è necessaria qualora vi siano piogge periodiche piuttosto costanti e sufficienti. Anzi, sarebbe raccomandabile attendere tra un’irrigazione e l’altra che la terra sia completamente asciutta evitando assolutamente i pericolosi ristagni idrici. Gli anni successivi al trapianto il Ligustro può essere concimato con stallatico maturo, con un prodotto acquistato in vivaio o nel negozio di giardinaggio. Il momento ideale per la concimazione è subito dopo l’inizio della ripresa vegetativa che avviene in primavera. Ovviamente quando la piantina è giovane vanno evitati gli sbalzi idrici cercando di rendere equilibrato l’apporto di acqua e bilanciando la piovosità con interventi di annaffiatura. Man mano che la pianta cresce le naturali precipitazioni atmosferiche dovrebbero essere sufficienti a garantire l’acqua necessaria, ad eccezione dell’estate quando i periodi siccitosi si prolungano.

Il Ligustro è una pianta abbastanza resistente che di solito non viene attaccata da parassiti. Nelle situazioni di freddo intenso l’unico pericolo è rappresentato dall’oidio per il quale esistono trattamenti specifici acquistabili nei negozi di giardinaggio nel caso in cui si rilevi una problematica di questo genere. La potatura può essere effettuata a partire dalla primavera per tutta la bella stagione, anche per contenere lo sviluppo naturale della pianta. Il Ligustro produce bacche di colore nero che non sono commestibili e che vengono mangiate però dagli uccelli.

Hai domande su questo prodotto?

Al nostro Vivaio coltiviamo, per la vendita all'ingrosso e al dettaglio, questa e tantissime altre piante.

Se desideri ricevere maggiori informazioni su questo prodotto specifico o sul Verde in generale, non esitare a contattarci utilizzando il modulo che trovi di seguito. Cercheremo di risponderti nel più breve tempo possibile.

In alternativa puoi contattarci ai seguenti recapiti:

Se invece desideri parlare con noi di persona, ci trovi qui:
Vivai Flor Plant di Cafaro Mario
Via Cappellania N. 1
84022 Campagna (SA)

Clicca Qui per avviare il Navigatore (Google Maps)

oppure inserisci le coordinate nel tuo Navigatore:
40°38'28.4"N 15°07'01.9"E

Richiedi Maggiori info sul prodotto


* Campi obbligatori

 

Prodotti correlati

(Ci sono 4 altri prodotti della stessa categoria)