Limone Zagara Bianco (Citrus Limon)

Il limone è una delle piante più comuni e allo stesso tempo più apprezzate, sia per la duttilità dei frutti di questa speciale pianta in ambito culinario, che per le caratteristiche botaniche che esaltano l’unicità del limone. In particolare il Limone Zagara Bianco è un agrume che si contraddistingue da tutti le altre Rutacee, ossia la famiglia di appartenenza del limone.

Infatti il Limone Zagara Bianco è riconoscibile sia dal colore dei fiori, che tendono al bianco, sia per la mancanza delle venature violacee sulle foglie, che si presentano di colore verde chiaro. Le foglie possono essere associate a quelle dell’arancio, sia per forma che per colorito, specialmente nei mesi primaverili.

A seconda della specie, i rami del Limone Zagara Bianco possono essere ricoperti di spine, mentre i frutti si presentano di forma ovale, e sono caratterizzati da una spessa buccia di colore giallo molto acceso, che tende al pallido. Il Limone Zagara Bianco è una pianta di origine persiana, ma che ha avuto una diffusione unica in terra italiana e nello specifico in Sicilia, dove ha mostrato tutti i suoi pregi e le sue qualità.

E’ quindi una piante che ama i climi caldi e che, di conseguenza, mostra segnali di sofferenza quando le temperature calano o si avvicinano allo zero, quando questo agrume tende a defogliare.

Terreno Ideale per il Limone Zagara Bianco

Il limone Zagara Bianco è una piante che non predilige sicuramente terreni compatti oppure terreni eccessivamente argillosi. Il terreno ideale deve essere un terreno che non ristagna e che drena regolarmente l’acqua, sia essa di derivazione piovana che di derivazione artificiale, e deve essere composto da sabbia e torba, in modo che assuma costantemente con le radici le sostanze nutritive necessarie per la corretta crescita negli anni. Il terreno inoltre non deve essere mai innaffiato in maniera eccessiva, in quanto danneggerebbe questo delicato agrume, che invece richiede un terreno umido.

Clima, Esposizione e Annaffiatura del Limone Zagara Bianco

Il Limone Zagara Bianco come detto predilige i climi caldi e poco ventosi. Esponendo un limone in un punto ventoso o eccessivamente freddo, si rischia di sottoporre l’agrume ad uno stress eccessivo, che non sempre riuscirà a reggere. Se non è possibile evitare di esporre il Limone Zagara Bianco al vento o al freddo è necessario predisporre alcuni accorgimenti fondamentali. Esso dovrà essere riparato, specialmente nei mesi invernali, con teloni o altri sistemi di protezione, per evitare che il vento bruci le foglie e secchi i rami. Talvolta è richiesta la costruzione di una protezione perenne, specialmente in direzione dell’esposizione al vento. La Sicilia, ma anche la costa amalfitana, sono sicuramente i luoghi più indicati per la coltivazione e la crescita del Limone Zagara Bianco. Il sole, invece, è un grande alleato di questo agrume, che predilige l’esposizione ai raggi solari, mentre si dovrà provvedere ad eliminare le eventuali zone d’ombra che si possono creare intorno alla pianta. Nonostante sia amante del caldo, specialmente nei primi anni di vita, ma anche nei successivi a seconda della stagione, il Limone Zagara Bianco richiede una costante innaffiatura, in particolare durante i mesi estivi. Il terreno deve essere mantenuto costantemente umido e deve essere nutrito, in primavera, mediante concimi adatti ai limoni che consentono alla pianta di rinforzarsi in attesa del caldo estivo.

Coltivazione e Malattie del Limone Zagara Bianco

Il Limone Zagara Bianco deve essere piantato dopo aver realizzato una buca sul terreno, profonda circa trenta centimetri. Il terreno deve inoltre essere smosso o zappato, per cercare di renderlo morbido per quanto possibile, in modo tale da facilitare alla pianta di allargare le proprie radici. Sono diversi invece i parassiti che possono infettare il Limone Zagara Bianco e tra questi ricordiamo soprattutto la cocciniglia e la mosca bianca. Il primo parassita porta le foglia all’ingiallimento e soprattutto non consento al frutto di raggiungere la maturazione, lasciandolo acerbo, piccolo e di colore verde. La mosca bianca, invece, potrebbe infestare direttamente la pianta, facendola seccare nei casi più gravi di infestazione. Ulteriori parassiti sono, infine, il ragno rosso e il mal secco, che provocano conseguenze anche gravi sull’agrume e sui suoi frutti.

Prodotti correlati

(Ci sono 4 altri prodotti della stessa categoria)